Author Archives: キョン

Classifica: gli anime dalle migliori character song

In Giappone, per meglio fidelizzare i fan, molti anime contemplano, in una sorta di surplus di accompagnamento musicale, le cosiddette character song, ossia canzoni composte a bella posta per essere interpretate dai diversi seiyuu delle serie animate, a mo' di 'brani personali' dei singoli personaggi da essi doppiati.

Queste canzoni sono attualmente molto gettonate nell'industria musicale legata agli anime, non solo come catalizzatrici di popolarità per le rispettive serie, ma anche come volano per la notorietà dei seiyuu. Alcuni di questi brani hanno persino scalato la classifica Oricon (quella che vi proponiamo attraverso il nostro “Top of J-Pop”, per intenderci).
Ebbene, il noto sito nipponico Goo, specializzato in ranking, ha pensato di sondare le preferenze dei giapponesi proprio a proposito di character song.
Ecco come si sono espressi i 500 rispondenti (250 maschi e 250 femmine), dalla posizione 19 alla numero 1:

– 19, 18 (a pari merito) Tari Tari, Tantei Opera Milky Holmes
– 17 PriPara
– 16, 15 (a pari merito) Mermaid Melody Pichi Pichi Pitch, Mekaku City Actors
– 14, 13, 12 (a pari merito) Guilty Crown, Shounen Hollywood, Symphogear
– 11 Aikatsu!
– 10 Bakumatsu Rock
– 9 Love Live!
– 8 The iDOLM@STER
– 7 Angel Beats!
– 6 Cross Ange
– 5 UtaPri
– 4 The Melancholy of Haruhi Suzumiya
– 3 Monogatari series
– 2 Macross Frontier
– 1 K-On!!
 

Gli anime musicali, come è comprensibile tendono a farla da padrone, così che K-On! e Macross Frontier si aggiudicano oro e argento. Da notare il piazzamento di Haruhi Suzumiya, che conta ben 16 character song, incluse quelle pensate per i personaggi secondari. E voi, cosa ne dite?

Fonte consultata:
SGCafé

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Museo Ghibli, nuova mostra temporanea su Ranpo Edogawa

Lo Studio Ghibli Museum di Tokyo dedica una mostra al celebre autore di gialli Edogawa Ranpo (dalla traslitterazione giapponese di 'Edgar Allan Poe' – il vero nome dello scrittore era Tarō Hirai).
Edogawa, molto popolare in patria per le sue mistery novel nonché figura nota ai fan di Detective Conan, fu attivo tra i primi anni Venti e l'inizio degli anni Sessanta.
 
Il romanzo che dà il nome alla mostra, Ghost Tower (1936), è l'adattamento di un'opera precedente di Ruiko Kuroiwa, pubblicata nel 1901 e a sua volta tratta da A Woman in Grey di Alice Muriel Williamson, romanzo in lingua inglese del 1898.
 

Hayao Miyazaki annovera le storie di Edogawa Ranpo tra le più formative letture della sua adolescenza; il regista ha inoltre affermato che la famosa sequenza della torre dell'orologio in Lupin III – Il Castello di Cagliostro (1979) è stata ispirata proprio da Yūrei tō (titolo originale di Ghost Tower) di Edogawa.

Welcome to the Ghost Tower apre i battenti il 30 maggio 2015 e sarà visitabile fino al maggio del 2016; saranno esposte illustrazioni create ad hoc da Hayao Miyazaki.

Fonti consultate:
Manga-News
Crunchyroll

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Far East Udine 17: line-up dei film. Parte II – Giappone

Invasione di film giapponesi al FEFF 17, e davvero il carnet è ricchissimo di proposte, tra le quali, prima di lasciarvi all'elenco, vi segnaliamo in particolare: le due parti di Parasyte (la seconda è in anteprima internazionale fuori dal Giappone), dal regista di Eien no Zero, Takashi Yamazaki, Gelso d'Oro a Udine 2014; i lungometraggi sono ispirati al manga di Hitoshi Iwaaki Kiseijuu (L'ospite indesiderato, edito in Italia per GOEN).

  La La La at Rock Bottom – Misono Universe, slice-of-life di Noburo Yamashita presentato in anteprima mondiale all'IFFR di Rotterdam lo scorso gennaio — vedi recensione e reportage dedicati al film e all'evento.
  The End of the World and the Cat's Disappearance – Sekai no Owari no Izukoneko, sci-fi movie di Michihiro Takeuchi su una webcam idol, eroina in una Tokyo post-pandemia; ispirato a un manga di Daisuke Nishijima, il lungometraggio, in cartellone allo Yubari International Fantastic Film Festival, vede lo stesso Nishijima, oltre che collaboratore attivo nella sceneggiatura, anche arruolato nel cast, nei panni di un professore nerd delle superiori.

 
Forget Me Not – Wasurenai to Chikatta Boku ga Ita, film di Kei Horie tratto da un romanzo di Mizuho Hirayama: uno studente delle superiori, Takashi Hayama, si innamora a prima vista di Azua Oribe; Azusa però ha una 'particolarità', come confessa al ragazzo… tutti si dimenticano di lei un paio d'ore dopo averla conosciuta (la storia ha una vaga assonanza con l'anime Isshuukan Friends.).

Di seguito la line-up dei film nipponici in programma, direttamente dal sito ufficiale del Far East Film Festival 2015: 0,5 mm, ANDO Momoko, Japanese mind encyclopedia, Japan 2014, European Premiere 100 Yen Love, TAKE Masaharu, quirk-misfit-drama, Japan 2014, International Premiere The Curtain Rises, MOTOHIRO Katsuyuki, youth drama, Japan 2015, European Premiere Ecotherapy Getaway Holiday, OKITA Shuichi, lost-in-the-woods comedy, Japan 2014, European Premiere Forget Me Not, HORIE Kei, fantasy drama, Japan 2015, International Premiere Kabukicho Love Hotel, HIROKI Ryuichi, sayonara sex romance, Japan 2014, Italian Premiere La La La at Rock Bottom, YAMASHITA Nobuhiro, memory-youth-drama, Japan 2015, Italian Premiere Make Room, MORIKAWA Kei, AV set comedy, Japan 2015, International Premiere Parasyte Part. 1, YAMAZAKI Takashi, alien invasion drama, Japan 2014, International Festival Premiere Parasyte Part. 2, YAMAZAKI Takashi, alien invasion drama II, Japan 2015, International Premiere Unsung Hero, TAKE Masaharu, stuntman lifestyle drama, Japan 2014, International Premiere The End of the World and the Cat's Disappearance, TAKEUCHI Michihiro, crazy apocalyptic comedy, Japan 2015, International PremiereFonti consultate:
FEFF 17 Sito Ufficiale
Eigapedia
Japan Times

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Masaaki ‘Ping Pong’ Yuasa al lavoro su un nuovo film animato

Il regista Masaaki Yuasa (Ping Pong, Kick-Heart, The Tatami Galaxy, episodio "Food Chain" in Adventure Time) ha svelato i suoi progetti riguardo a un nuovo film d'animazione. Yuasa ha dato l'annuncio commentando con uno scritto di suo pugno (vergato a mano per l'occasione) la vittoria conseguita al Tokyo Anime Award Festival nella categoria 'Animazione dell'Anno – Sezione Anime per la TV'. Non sono stati svelati né titolo né altri dettagli del nuovo film; è dato però sapere che il regista Nobutake Ito (già direttore delle animazioni e character designer in Ping Pong, The Tatami Galaxy, Giovanni no Shima) collaborerà al progetto.

Ito si è aggiudicato il premio 'Miglior Animatore' nel corso della stessa kermesse tokyota, mentre Kouki Uchiyama (Makoto "Smile" Tsukimoto in Ping Pong) ha vinto il premio 'Miglior voce maschile'.

Yuasa ha diretto l'adattamento animato per la TV del manga Ping Pong di Taiyo Matsumoto. È noto anche per aver realizzato il corto Kick-Heart grazie alla piattoforma di fund raising Kickstarter. Tra gli altri suoi lavori: Kaiba, Mind Game, e il succitato The Tatami Galaxy.

Fonte Consultata:
Anime News Network

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Masaaki ‘Ping Pong’ Yuasa al lavoro su un nuovo film animato

Il regista Masaaki Yuasa (Ping Pong, Kick-Heart, The Tatami Galaxy, episodio "Food Chain" in Adventure Time) ha svelato i suoi progetti riguardo a un nuovo film d'animazione. Yuasa ha dato l'annuncio commentando con uno scritto di suo pugno (vergato a mano per l'occasione) la vittoria conseguita al Tokyo Anime Award Festival nella categoria 'Animazione dell'Anno – Sezione Anime per la TV'. Non sono stati svelati né titolo né altri dettagli del nuovo film; è dato però sapere che il regista Nobutake Ito (già direttore delle animazioni e character designer in Ping Pong, The Tatami Galaxy, Giovanni no Shima) collaborerà al progetto.

Ito si è aggiudicato il premio 'Miglior Animatore' nel corso della stessa kermesse tokyota, mentre Kouki Uchiyama (Makoto "Smile" Tsukimoto in Ping Pong) ha vinto il premio 'Miglior voce maschile'.

Yuasa ha diretto l'adattamento animato per la TV del manga Ping Pong di Taiyo Matsumoto. È noto anche per aver realizzato il corto Kick-Heart grazie alla piattoforma di fund raising Kickstarter. Tra gli altri suoi lavori: Kaiba, Mind Game, e il succitato The Tatami Galaxy.

Fonte Consultata:
Anime News Network

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Manga di Margaret ispira una vera uniforme scolastica

Una delle cose più interessanti dei manga scolastici sono sicuramente le uniformi. Se ne trovano di molto comuni, per i parametri giapponesi, ma anche di eccentriche ed esagerate; altre denotano eleganza e buon gusto. Quelle del manga Taihen Yoku Dekimashita. (たいへんよくできました。), di Zakura Sato, titolo giunto in patria al secondo tankoubon, in uscita il 25 marzo 2015, hanno avuto la ventura di ispirare le uniformi in corso di adozione presso una scuola media superiore di Kyoto.
Ve le presentiamo per un raffronto:
 

Per le divise originali, vi rinviamo alla gallery dabbasso. In effetti la somiglianza è notevole!

Fonti consultate:
Comic Natalie
Shoujo Café

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Akiko Higashimura con Kakukaku Shikajika vince l’ottavo Taisho

La mangaka Akiko Higashimura (Kuragehime) si è aggiudicata il Manga Taisho 2015 per Kakukaku Shikajika. 
 

L'opera racconta la storia di Akiko Hayashi, una liceale al terzo anno che aspira a diventare una mangaka.

La serie premiata terminava la propria serializzazione su Cocohana (sorta dalle ceneri della rivista josei di Shueisha Chorus) lo scorso 28 gennaio, avendo aperto i battenti proprio sul numero d'esordio del magazine, nel mese di novembre 2011. Il quinto ed ultimo tankōbon sarà sugli scaffali il 25 marzo.

I titoli che concorrono per il Taisho — a differenza di quanto avviene per altri premi, in cui la fase di selezione è appannaggio degli editori — sono scelti da librai e gestori di fumetterie. La cerchia delle opere candidabili è limitata a lavori, il cui numero totale di volumi editi non abbia superato gli otto,  di cui sia stata pubblicata un'uscita nel corso dell'ultimo anno, indipendentemente dall'anno di avvio della pubblicazione. Ciò al fine di promuovere opere relativamente nuove, che non godano cioè di popolarità in virtù della loro longevità. Il nome ufficiale in lingua inglese dell'award è "Cartoon Grand Prize".

Eccovi il palmarès delle precedenti edizioni: Shinichi Ishizuka ha vinto la prima edizione del 2008 con Gaku – Minna no Yama, Yuki Suetsugu ha vinto nel 2009 con Chihayafuru, Mari Yamazaki ha primeggiato nel 2010 con Thermae Romae, Chica Umino l'ha spuntata su tutti nel 2011 con Un marzo da leoni, Hiromu Arakawa è stato il vincitore del 2012 con Silver Spoon Akimi Yoshida ha vinto l'edizione del 2013 con  Umimachi Diary Kaoru Mori ha vinto l'edizione del 2014 con I Giorni della SposaLe nomination per quest'anno erano circoscritte a 14 opere. La graduatoria finale è stata stilata stabilendo tra esse quest'ordine di merito:

•  Kakukaku Shikajika di Akiko Higashimura

•  Kodomo wa Wakatte Agenai di Rettou Tajima

•  Koe no Katachi di Yoshitoki Ooima

•  Boku dake ga Inai Machi di Kei Sanbe

•  Blue Giant di Shinichi Ishizuka

•  Ballroom e Youkoso di Tomo Takeuchi

•  Innocent di Shin'ichi Sakamoto

•  Boku no Hero Academia di Kōhei Horikoshi

•  Ousama-tachi no Viking di Sadayasu e Makoto Fukami

•  Kasane di Daruma Matsuura

•  Gekkan Shoujo Nozaki-kun di Izumi Tsubaki

•  Mahou Tsukai no Yome di Kore Yamazaki

•  Houseki no Kuni di Haruko Ichikawa

•  Dimitri Tomkins di Fumiko Takano

Complimenti dunque alla prolifica Higashimura, che, tra le fatiche di Meropon Dashi! e Tokyo Tarareba-Jou, la miniserie prequel di Kuragehime e l'apparizione nel cameo del film ad essa ispirato, nonché l'avvio di una storia sulla nuova rivista Hibana di Shogakukan (magazine e titolo entrambi ai nastri di partenza questo mese), si vede conferire un prestigioso riconoscimento, giunto alla sua ottava edizione. 

Fonte consultata:
Anime News Network

 

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Akiko Higashimura con Kakukaku Shikajika vince l’ottavo Taisho

La mangaka Akiko Higashimura (Kuragehime) si è aggiudicata il Manga Taisho 2015 per Kakukaku Shikajika. 
 

L'opera racconta la storia di Akiko Hayashi, una liceale al terzo anno che aspira a diventare una mangaka.

La serie premiata terminava la propria serializzazione su Cocohana (sorta dalle ceneri della rivista josei di Shueisha Chorus) lo scorso 28 gennaio, avendo aperto i battenti proprio sul numero d'esordio del magazine, nel mese di novembre 2011. Il quinto ed ultimo tankōbon sarà sugli scaffali il 25 marzo.

I titoli che concorrono per il Taisho — a differenza di quanto avviene per altri premi, in cui la fase di selezione è appannaggio degli editori — sono scelti da librai e gestori di fumetterie. La cerchia delle opere candidabili è limitata a lavori, il cui numero totale di volumi editi non abbia superato gli otto,  di cui sia stata pubblicata un'uscita nel corso dell'ultimo anno, indipendentemente dall'anno di avvio della pubblicazione. Ciò al fine di promuovere opere relativamente nuove, che non godano cioè di popolarità in virtù della loro longevità. Il nome ufficiale in lingua inglese dell'award è "Cartoon Grand Prize".

Eccovi il palmarès delle precedenti edizioni: Shinichi Ishizuka ha vinto la prima edizione del 2008 con Gaku – Minna no Yama, Yuki Suetsugu ha vinto nel 2009 con Chihayafuru, Mari Yamazaki ha primeggiato nel 2010 con Thermae Romae, Chica Umino l'ha spuntata su tutti nel 2011 con Un marzo da leoni, Hiromu Arakawa è stato il vincitore del 2012 con Silver Spoon Akimi Yoshida ha vinto l'edizione del 2013 con  Umimachi Diary Kaoru Mori ha vinto l'edizione del 2014 con I Giorni della SposaLe nomination per quest'anno erano circoscritte a 14 opere. La graduatoria finale è stata stilata stabilendo tra esse quest'ordine di merito:

•  Kakukaku Shikajika di Akiko Higashimura

•  Kodomo wa Wakatte Agenai di Rettou Tajima

•  Koe no Katachi di Yoshitoki Ooima

•  Boku dake ga Inai Machi di Kei Sanbe

•  Blue Giant di Shinichi Ishizuka

•  Ballroom e Youkoso di Tomo Takeuchi

•  Innocent di Shin'ichi Sakamoto

•  Boku no Hero Academia di Kōhei Horikoshi

•  Ousama-tachi no Viking di Sadayasu e Makoto Fukami

•  Kasane di Daruma Matsuura

•  Gekkan Shoujo Nozaki-kun di Izumi Tsubaki

•  Mahou Tsukai no Yome di Kore Yamazaki

•  Houseki no Kuni di Haruko Ichikawa

•  Dimitri Tomkins di Fumiko Takano

Complimenti dunque alla prolifica Higashimura, che, tra le fatiche di Meropon Dashi! e Tokyo Tarareba-Jou, la miniserie prequel di Kuragehime e l'apparizione nel cameo del film ad essa ispirato, nonché l'avvio di una storia sulla nuova rivista Hibana di Shogakukan (magazine e titolo entrambi ai nastri di partenza questo mese), si vede conferire un prestigioso riconoscimento, giunto alla sua ottava edizione. 

Fonte consultata:
Anime News Network

 

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Termina Sekirei, seinen di combattenti mozzafiato edito da JPOP

Sakurako Gokurakuin fa sapere attraverso il volumetto #17 del proprio seinen manga Sekirei che la serie stessa giungerà a conclusione con il prossimo tankōbon. L'autrice ha ringraziato i lettori per essere rimasti fedeli all'opera fino all'ultimo volume. Il magazine Square Enix Young Gangan aveva resa nota nel 2013 l'imminenza della battaglia conclusiva nel Final Stage del Piano Sekirei.
 

 

Minato Sahashi ha fallito l’esame per l’accesso al college per due volte, è impacciato con le donne ed è anche disoccupato. Così, capisce che non può continuare a fare affidamento sulla madre e sulla sorella minore con la vita che sta conducendo. In realtà, Minato è estremamente intelligente, eppure la sua incapacità di farcela sotto pressione conduce ai suoi costanti fallimenti. Come risultato, Minato è stato marchiato da molti come un idiota ed un eterno perdente. Un giorno, Minato incontra una ragazza chiamata Musubi, che gli cade addosso letteralmente dal cielo. Minato scoprirà di far parte di un gruppo di persone chiamate Ashikabi, esseri umani con gèni speciali, che permettono loro di affiancare una “sekirei”. Le sekirei sono esseri dai super poteri create dalla misteriosa organizzazione MBI. Sotto le sembianze di belle ragazze dalle forme mozzafiato, le Sekirei combattono in una pericolosa, e alle volte mortale, competizione chiamata “Piano Sekirei”. Con l’intera città di Tokyo come campo di battaglia, le sekirei vanno in cerca di quegli umani destinati a diventare i loro Ashikabi. Minato impara presto che essere il partner di una splendida ragazza non è tutto rose e fiori, specialmente quando scoprirà a sue spese che un Ashikabi può avere al suo fianco più di una sekirei, e sarà allora che inizieranno i veri guai. Ben presto egli si ritroverà non con una, ma ben 5 sekirei, costretto a ingaggiare moltissime battaglie contro altri Ashikabi. L'obiettivo finale del gioco è di sconfiggere tutte le 108 sekirei. Trama tratta da Wikipedia.

Gokurakuin lanciò il manga su Young Gangan nel 2004. Il titolo è approdato sui nostri lidi grazie a JPOP. La serie conta due trasposizioni animate seriali, nel 2008 e nel 2010 (Sekirei: Pure Engagement), oltre ad un OVA datato 2009.

Fonte Consultata:
Anime News Network

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

Termina Sekirei, seinen di combattenti mozzafiato edito da JPOP

Sakurako Gokurakuin fa sapere attraverso il volumetto #17 del proprio seinen manga Sekirei che la serie stessa giungerà a conclusione con il prossimo tankōbon. L'autrice ha ringraziato i lettori per essere rimasti fedeli all'opera fino all'ultimo volume. Il magazine Square Enix Young Gangan aveva resa nota nel 2013 l'imminenza della battaglia conclusiva nel Final Stage del Piano Sekirei.
 

 

Minato Sahashi ha fallito l’esame per l’accesso al college per due volte, è impacciato con le donne ed è anche disoccupato. Così, capisce che non può continuare a fare affidamento sulla madre e sulla sorella minore con la vita che sta conducendo. In realtà, Minato è estremamente intelligente, eppure la sua incapacità di farcela sotto pressione conduce ai suoi costanti fallimenti. Come risultato, Minato è stato marchiato da molti come un idiota ed un eterno perdente. Un giorno, Minato incontra una ragazza chiamata Musubi, che gli cade addosso letteralmente dal cielo. Minato scoprirà di far parte di un gruppo di persone chiamate Ashikabi, esseri umani con gèni speciali, che permettono loro di affiancare una “sekirei”. Le sekirei sono esseri dai super poteri create dalla misteriosa organizzazione MBI. Sotto le sembianze di belle ragazze dalle forme mozzafiato, le Sekirei combattono in una pericolosa, e alle volte mortale, competizione chiamata “Piano Sekirei”. Con l’intera città di Tokyo come campo di battaglia, le sekirei vanno in cerca di quegli umani destinati a diventare i loro Ashikabi. Minato impara presto che essere il partner di una splendida ragazza non è tutto rose e fiori, specialmente quando scoprirà a sue spese che un Ashikabi può avere al suo fianco più di una sekirei, e sarà allora che inizieranno i veri guai. Ben presto egli si ritroverà non con una, ma ben 5 sekirei, costretto a ingaggiare moltissime battaglie contro altri Ashikabi. L'obiettivo finale del gioco è di sconfiggere tutte le 108 sekirei. Trama tratta da Wikipedia.

Gokurakuin lanciò il manga su Young Gangan nel 2004. Il titolo è approdato sui nostri lidi grazie a JPOP. La serie conta due trasposizioni animate seriali, nel 2008 e nel 2010 (Sekirei: Pure Engagement), oltre ad un OVA datato 2009.

Fonte Consultata:
Anime News Network

Approfondisci la notizia, guarda le relative immagini e filmati su AnimeClick.it

Autore notizia: キョン

« Older Entries